24 settembre 2017
Home / Curiosità / Tartare di pesce: una cruditè che va oltre l’apparenza

Tartare di pesce: una cruditè che va oltre l’apparenza

Tartare di pesce: una crudité che va oltre l’apparenza

Puoi assaggiare tutto il sapore del mare senza cuocere nulla? la risposta è si e noi di Trattoria Alla Busa aggiungiamo che lo puoi fare con la tartare di pesce.

E’ sempre più numeroso il numero di persone che va matto per il pesce crudo, il quale ha conquistato tutti proprio con la tartare.

Bellissima da vedere e molto raffinata dietro questo piatto di crudité c’è molto di più che semplice apparenza: un alimento dalle mille qualità che unisce gusto e leggerezza, freschezza e semplicità.

Un piatto che sfocia nella creatività dei grandi Chef di tutto il mondo e anche da Trattoria Alla Busa.

Ma la creatività non basta, una buona tartare arriva innanzitutto da una buona materia prima e dagli strumenti giusti.

Ecco cosa c’è dietro una minuziosa tartare:

Quali sono i pesci preferiti per questa preparazione?

L’assenza di cottura consente di assaporare il gusto più naturale del pesce e del mare.

In un piatto crudo come la tartare sono quindi da preferire carni saporite ma non troppo grasse.

Sono perfetti per questa preparazione pesci come: tonno, ricciola, branzino, pesce bianco, gamberi, capesante, scampi, calamari, salmone, storione e pesce spada.

Abbiamo la possibilità di avere una scelta ampia, con cui si possono sperimentare ogni volta varianti e preparazioni diverse.

La freschezza prima di tutto

Prima di procedere con la preparazione, è necessario abbattere il nostro pesce fresco.

Questa operazione deve avvenire a -20°C e consente di uccidere ogni parassita, tra cui il batterio Anisakis simplex, presente in diverse varietà di pesce e molto pericoloso per l’uomo

Se volete preparare la tartare a casa vostra o dovete comunque abbattere il pesce per un altro motivo, potete congelarlo per 24 ore prima di utilizzarlo.

Non c’è tartare senza coltello

Per avere dei filetti di pesce e prepararne così una tartare, è OBBLIGATORIO avere a disposizione un coltello dalla lama lunga ed affilata.

Oltre ad un buon coltello, dovrete avere a disposizione una pinza e tanta pazienza per togliere al pesce le lische.

Il coltello serve per non rompere le fibre della carne del pesce.

Come preparare la tartare di pesce

Ecco infine come mettere il tutto insieme e dare vita ad una delicata creazione.

Pulite il filetto di pesce: spellatelo e spinatelo con una pinza, passando poi la polpa tra le dita per verificare che non siano rimaste lische.

Tagliatelo a striscioline e poi a cubetti della stessa dimensioni.

In un’altra ciotola unite condimenti come olio, succo di limone, arancia o lime (a seconda del vostro gusto); potete utilizzare anche verdure come peperoni, zucchine, carciofi o frutta come arance, mango, avocado, capperi o acciughe (sempre a piccoli pezzetti).

Unite il pesce ai condimenti, lasciateli marinare mezz’ora in frigorifero e componete il vostro piatto.

tartare di pesce Trattoria Alla Busa

 

Le tartare di pesce, alla Busa sono puro artigianato gastronomico, non perderti questa esperienza di gusto, da provare almeno una volta nella vita!

Ti aspettiamo da Trattoria Alla Busa per una cena raffinata a base di cruditè di mare.

prenota trattoria alla busa

Riguardo Alla Busa Staff

Alla Busa Staff
L’Osteria Trattoria alla Busa apre agli inizi degli anni trenta, quando Tullio Bernardinello, nonno materno dell’attuale gestore, adibisce ad osteria una casa ai margini del Borgo di San Martino di Venezze. La cucina è quella semplice e tradizionale, basata principalmente sui piatti tipici delle osterie del tempo. I piatti sono accompagnati con vino sfuso in bottiglioni che nonno Tullio va personalmente a scegliere presso i contadini dei Colli Euganei, servendosi per il trasporto di carrettieri che non di rado rappresentano la clientela abituale delle osterie di paese.

Guarda anche

pesce di stagione: settembre

Pesce di stagione: quale mangiare a settembre?

Pesce di stagione: quale mangiare a settembre? Così come per frutta e verdura, anche la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *