25 Aprile 2019
Home / Curiosità / Ostrica rosa: la perla del Delta che trovate da Trattoria Alla Busa
ostrica rosa

Ostrica rosa: la perla del Delta che trovate da Trattoria Alla Busa

Ostrica rosa: la perla del Delta che trovate da Trattoria Alla Busa

L’ostrica rosa, come si può già intuire dal nome, è un prodotto di altissima qualità: risultato di un metodo di allevamento innovativo che porta a ricavare un prodotto finale dalle caratteristiche impressionanti.

Dal gusto pulito e privo di parassiti, il sapore è impareggiabile e le sue carni sono consistenti.

L’ostrica rosa prende il suo nome proprio dal colore del guscio e viene coltivata, nel Mar Mediterraneo utilizzando un metodo specifico.

La coltivazione dell’ostrica rosa

Il metodo di allevamento utilizzato è quello a sospensione, in cui le ostriche vengono attaccate a delle funi che consentono di dosare acqua e aria con estrema precisione, alternando periodi di immersione a periodi di esposizione all’aria e al sole, simulando l’alternanza delle maree.

Il tutto in 36 mesi.

ostrica rosa

Che sapore ha l’ostrica rosa?

Carnosa e gstosa al contempo, la speciale ostrica rosa è la perfetta alchimia tra salinità e morbidezza, con un gusto tra il croccante e il vellutato.

Il sapore è inimitabile e sorprendente: aromi delicati di nocciola e di fungo, finemente iodata.

La loro madreperla è di un biancore eccezionale, le conchiglie sono leggermente rosate con merletti che sembrano essere casellati nella materia, come un’imperfezione quasi perfetta.

allevamento ostrica rosa

L’ostrica rosa ora è la perla del Delta del Po

L’ostrica rosa coltivata in Italia adesso è realtà e si trova proprio all’interno della Sacca di Scardovari, ubicata nella parte veneta del Delta del Po, grazie alla determinazione ed entusiasmo del giovane imprenditore Alessio Greguoldo.

Questo progetto è nato sotto le insegne del prestigioso marchio francese Tarbouriech: un progetto innovativo e di collaborazione tra uno dei più importanti produttori di ostriche della Francia Florent Tarbouriech, l’inventore del metodo di allevamento esclusivo che produce le famose ostriche rosa, allevate nel bacino di Thau, la maggiore laguna della regione della Linguadoca- Rossiglione nel sud della Francia e l’entusiasta imprenditore d’acqua polesano, sostenuto dal Consorzio dei Pescatori del Polesine.

ostrica rosa delta del po

Curiosi di scoprire il sapore del’ostrica rosa? allora vi aspettiamo da Trattoria Alla Busa!

prenota trattoria alla busa

Riguardo Alla Busa Staff

Alla Busa Staff
L’Osteria Trattoria alla Busa apre agli inizi degli anni trenta, quando Tullio Bernardinello, nonno materno dell’attuale gestore, adibisce ad osteria una casa ai margini del Borgo di San Martino di Venezze. La cucina è quella semplice e tradizionale, basata principalmente sui piatti tipici delle osterie del tempo. I piatti sono accompagnati con vino sfuso in bottiglioni che nonno Tullio va personalmente a scegliere presso i contadini dei Colli Euganei, servendosi per il trasporto di carrettieri che non di rado rappresentano la clientela abituale delle osterie di paese.

Guarda anche

come mangiare i ricci di mare

Scopri i ricci di mare, una specialità dal gusto sublime!

Scopri i ricci di mare, una specialità dal gusto sublime! I ricci di mare sono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *