18 novembre 2018
Home / Curiosità / Mangiare le ostriche: come farlo e 5 cose da sapere!
ostriche

Mangiare le ostriche: come farlo e 5 cose da sapere!

Mangiare le ostriche: come farlo e 5 cose da sapere!

Un cibo prezioso, considerato proibito nel Medioevo perchè troppo lussurioso: le ostriche sono dei semplici molluschi, ma un cibo prezioso, chic e afrodisiaco.

Le ostriche che siamo abituati a trovare provengono dai mari europei, a bassa profondità, a bassa profondità, sono originariamente attaccate a rocce ed a corpi solidi.

Le ostriche che troviamo disponibili nel mercato, sono della varietà piatta e concava provenienti dai principali  allevamenti d’Europa, tra cui la Francia, Olanda, regno Unito, Irlanda, Spagna e in piccola parte anche Italia, Portogallo, Grecia e Germania.

La varietà più apprezzata nelle cucine dei migliori ristoranti e da Trattoria Alla Busa è la Bèlon: dalla forma piatta, rotonda, già conosciuta ai tempi dei Romani e amata per il suo gusto morbido e poco salmastro.

5 cose da sapere sulle ostriche

1. ACQUISTO: è necessario controllare che siano ancora vive, le valve chiuse e quando aperte, l’animale sia immerso nel suo liquido.

Un’ostrica fresca profuma di mare e riporta la provenienza e la data di raccolta.

2. CONSERVAZIONE: Se non consumate le ostriche nell’immediato, lasciatele chiuse nel guscio e tenetele nel frigorifero. Possono resistere fino a una settimana ma attenzione, devono essere integre e ben chiuse.

3. COME APRIRLE: mettete la mano sinistra sopra l’ostrica e con la destra impugnate un coltello a punta, abbastanza corto. Una volta trovato il punto di rottura sul lato della conchiglia, spingete il coltello all’interno per poi portare la lama verso di voi, aprendo così la valva superiore.

Non far rimanere pezzi di guscio all’interno dell’ostrica!

4. CONSUMO: come da tradizione, le ostriche vanno consumate crude, al naturale, con il loro liquido e senza essere masticate.

5. CURIOSITÀ’: lo sapete che le ostriche hanno poche calorie? sono ricchissime di ferro e calcio ma è meglio non eccedere, poichè contengono molto colesterolo.

Non sono indicate per donne in gravidanza o in fase di allattamento e ai bambini molto piccoli, esse sono potenzialmente allergizzanti.

Come mangiare le ostriche secondo il Galateo?

Alla destra del vostro piatto di ostriche, il cameriere pone una forchettina a tre denti corta dal bordo tagliente da usare per asportare il mollusco dalla conchiglia.

Insieme alle ostriche, presentate su un letto di ghiaccio per preservarne la freschezza, può essere servita una ciotolina di emulsionante di aceto e prezzemolo con la quale irrorare l’ostrica.

In alternativa può essere spruzzato il succo di limone.

Hai mai provato a mangiare le ostriche? da Trattoria Alla Busa il pesce crudo è la nostra specialità, se cerchi un ristorante in cui provare a mangiare il pesce crudo di prima qualità, ti aspettiamo da Trattoria Alla Busa con ostriche e champagne!

prenota trattoria alla busa

Acconsento al trattamento dei dati sopra inseriti del Regolamento UE n.2016/679 sulla protezione dei dati personali consultabile qui.

Save

Riguardo Alla Busa Staff

Alla Busa Staff
L’Osteria Trattoria alla Busa apre agli inizi degli anni trenta, quando Tullio Bernardinello, nonno materno dell’attuale gestore, adibisce ad osteria una casa ai margini del Borgo di San Martino di Venezze. La cucina è quella semplice e tradizionale, basata principalmente sui piatti tipici delle osterie del tempo. I piatti sono accompagnati con vino sfuso in bottiglioni che nonno Tullio va personalmente a scegliere presso i contadini dei Colli Euganei, servendosi per il trasporto di carrettieri che non di rado rappresentano la clientela abituale delle osterie di paese.

Guarda anche

PRELIBATEZZE DEL DELTA DEL PO LA COZZA DI SCARDOVARI (2)

PRELIBATEZZE DEL DELTA DEL PO: LA COZZA DI SCARDOVARI

PRELIBATEZZE DEL DELTA DEL PO: LA COZZA DI SCARDOVARI Il Delta del Po è un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *