17 novembre 2017
Home / Curiosità / Hai mai provato le moeche? vieni da Trattoria Alla Busa!
hai mai provato le moeche?

Hai mai provato le moeche? vieni da Trattoria Alla Busa!

Hai mai provato le moeche? vieni da Trattoria Alla Busa!

Una prelibatezza inconsueta e reperibile solo per alcune settimane all’anno, considerate un cibo assolutamente raro e ricercato: hai mai provato le moeche di Trattoria Alla Busa? vista la nostra specialità di pesce non potevano mancare proprio loro, uno tra i crostacei più caratteristici della nostra laguna veneta… le moeche!

Ma prima di venirle a provare da noi… conosciamole meglio!

L’ORIGINE DEL NOME

In Veneto il termine moeca, nonché granchi molli fritti,  ha due significati legati alla tradizione: si associa sia alla scultura del leone di San Marco alato, simbolo della città, che sorge dalle acque (el leon en moeca), sia al granchio locale (comune granchio ripario “Carcinus Mediterraneus”) in fase di muta. Questa prelibatezza è definita anche la pepita veneziana!

I gourmand e gli intenditori lo sanno: difficile assaggiarli in altri posti e in ricette diverse da quella della tradizione: la frittura in una pastella d’uovo è tuttora quasi inimitabile.

Durante la muta il granchio si libera dall’esoscheletro per aumentare le proprie dimensioni e creare così una nuova corazza adatta a contenerlo e quindi si presenta molto tenero, al punto da poter essere cucinato e mangiato senza difficoltà. Questa squisitezza veneziana era già apprezzata nel ‘700, come documentato dal naturalista Giuseppe Olivi nel suo testo Zoologia Adriatica del 1792.

LA PESCA DELLE MOECHE

La tradizione delle moeche è presente in tutta la Laguna e in particolare nelle zone di Chioggia, Giudecca e Burano. I pescatori di Laguna detti moécanti, utilizzano per la pesca il metodo tradizionale con delle reti di posta che garantiscono la salvaguardia del sistema biologico marino.

Una volta pescate, le moeche vengono trasferite in appositi sacchi di juta che hanno lo scopo di mantenere la giusta umidità durante il trasporto agli impianti di lavorazione.

pesca delle moeche fritte

A questo punto, nei casòni o casòti si avvia la fase di cernita che ha la funzione di individuare lo stato biologico dei granchi. In questa fase, i moecanti, grandi conoscitori di questi crostacei, selezionano i granchi dividendo quelli maturi (carapace già cambiato) da quelli prossimi alla muta.

Solo i granchietti prossimi alla muta saranno sistemati in apposite casse di legno dette vièri e semisommersi in acqua marina per diventare in breve tempo moeche.

LE MOECHE IN CUCINA

Una volta pronte le moeche volano in cucina, così rare e concentrate in periodi limitati dell’anno sono delle vere e proprie prelibatezze da non farsi scappare.

Come vuole la tradizione, le moeche si mangiano fritte e magari accompagnate con polenta bianca morbida.

La tipica ricetta veneziana vuole che la pastella sia fatta di uova e farina in cui tuffare le moeche ancora vive per friggerle subito in olio bollente.

Sono poi da mangiare esclusivamente calde e croccanti.

Un piacere per il palato da non farsi scappare che puoi gustare da Trattoria Alla Busa a San Martino di Venezze (Rovigo)

in questo periodo!

TI ASPETTIAMO!

prenota trattoria alla busa

Riguardo Alla Busa Staff

Alla Busa Staff
L’Osteria Trattoria alla Busa apre agli inizi degli anni trenta, quando Tullio Bernardinello, nonno materno dell’attuale gestore, adibisce ad osteria una casa ai margini del Borgo di San Martino di Venezze. La cucina è quella semplice e tradizionale, basata principalmente sui piatti tipici delle osterie del tempo. I piatti sono accompagnati con vino sfuso in bottiglioni che nonno Tullio va personalmente a scegliere presso i contadini dei Colli Euganei, servendosi per il trasporto di carrettieri che non di rado rappresentano la clientela abituale delle osterie di paese.

Guarda anche

frittura di pesce

Frittura di pesce: 5 cose da non fare assolutamente

Frittura di pesce: 5 cose da non fare assolutamente Basta sentirne l’odore e subito i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *