17 ottobre 2018
Home / Curiosità / Fritto misto di pesce: il piatto che mette tutti d’accordo
fritto misto di pesce

Fritto misto di pesce: il piatto che mette tutti d’accordo

Fritto misto di pesce: il piatto che mette tutti d’accordo

Uno tra i migliori piatti apprezzati in Italia, mette d’accordo proprio tutti, dai grandi ai più piccini, dai golosi ai non: è il piatto di festa, quello che mangiamo quando dobbiamo celebrare qualcosa di personale, quando vogliamo concederci uno sfizio succulento, è lui, il fritto misto di pesce!

Il fritto misto di pesce è un piatto maggiormente consumato nei ristoranti, come da Trattoria Alla Busa, in quanto la sua preparazione è laboriosa con molti aspetti da tenere in considerazione come ad esempio pulire il pesce oppure il solo odore di fritto che invade la nostra cucina.

Come piatto, il fritto di pesce è generico ma sicuramente al suo interno troveremo ingredienti come i gamberi e i calamari, infatti vi sono proprio delle fritture contenenti SOLO questi due ingredienti, consigliatissime per i bambini perchè appunto prive di lische.

Un terzo ingrediente famoso che troviamo nel nostro fritto di pesce sono le alici.

A volte è anche possibile trovare i famosi “bianchetti”, ovvero esemplari giovani e molto piccoli di acciughe e sardine che si potevano mangiare tutti interi, senza essere spianati.

In alcuni casi, nel fritto misto di pesce viene aggiunto anche il baccalà che però è possibile trovare più spesso da solo e soprattutto nella cucina laziale.

Se nel fritto misto vengono aggiunti pesci come le trigli, i moletti, le sogliole ecc… allora ci troveremo di fronte ad una frittura di paranza!

Fritto misto di pesce: come prapararlo nella tua cucina

Innanzitutto, per preparare un’ottima frittura di pesce è necessario tenere presente i principali segreti di una buona frittura, soprattutto il pesce deve essere asciutto prima di essere infarinato.

E’ possibile scegliere che tipo di farina utilizzare.

Infatti, oltre alla solita farina di frumento bianca, possiamo utilizzare quella di riso, rendendo in questo modo la ricetta più light e croccante, oppure un mix tra farina bianca e semola per donare maggiore croccantezza.

Un’altra cosa fondamentale è che il pesce sia versato in abbondante olio bollente che possa aver raggiunto una temperatura di 150-190°C (potete misurarla con un termometro da cucina, o, nel caso non ne abbiate uno, potete immergervi un pesce e vedere che sfregola e fa le bollicine).

Infine scolatelo per bene dall’olio e asciugatelo adeguatamente.

Ingredienti (per 4 persone):

  • 400 g di code di gamberi o mazzancolle nostrani
  • 400 g di calmari o totani
  • 400 g di alici
  • 2 carote
  • 2 zucchine
  • olio di semi di arachide q.b.
  • farina di frumento (o di riso o semola) q.b. per impanare
  • sale q.b
  • qualche fettina di limone

Preparazione

Private i gamberi del carapace, lasciando solo la coda, pulite i calamari, volendo anche le alici possono essere private della testa, eviscerate e spinate (operazione che possiamo richiedere al nostro pescivendolo di fiducia).

Lasciate le code dei gamberi e le alici intere, tagliate ad anelli i calamari e le verdure a listarelle non troppo sottili.

Asciugate bene gli ingredienti e passateli nella farina, quindi friggeteli in abbondante olio bollente, scolateli quando saranno dorati, asciugateli con carta assorbente, salateli e serviteli in tavola ancora caldi e accompagnati da qualche fettina di limone.

Et Voilà, il profumino rapirà subito il cuore di tutti!

Ti aspettiamo per festeggiare la tua occasione oppure per toglierti qualche sfizio con un bel piatto di fritto misto di pesce!

fritto misto di pesce

Prenota il tuo tavolo da qui:

prenota trattoria alla busa

Riguardo Alla Busa Staff

Alla Busa Staff
L’Osteria Trattoria alla Busa apre agli inizi degli anni trenta, quando Tullio Bernardinello, nonno materno dell’attuale gestore, adibisce ad osteria una casa ai margini del Borgo di San Martino di Venezze. La cucina è quella semplice e tradizionale, basata principalmente sui piatti tipici delle osterie del tempo. I piatti sono accompagnati con vino sfuso in bottiglioni che nonno Tullio va personalmente a scegliere presso i contadini dei Colli Euganei, servendosi per il trasporto di carrettieri che non di rado rappresentano la clientela abituale delle osterie di paese.

Guarda anche

LE CRUDITE’ DI MARE NEL MONDO

LE CRUDITE’ DI MARE NEL MONDO Le cruditè di mare sono tra i piatti più …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *