17 luglio 2018
Home / Curiosità / Consigli per una cena natalizia a base di pesce

Consigli per una cena natalizia a base di pesce

Consigli per una cena natalizia a base di pesce

Sapersi anticipare è un aspetto fondamentale per chi ha la necessità di dover preparare con cura una buona cena natalizia a base di pesce per un numero di ospiti che di solito non si è abituati a ricevere.

Chi cucina abitualmente sa che gli antipasti sono le preparazioni che richiedono più tempo, e il più delle volte in un giorno solo non ce la si fa a prepararli tutti.

Perché diciamocelo, chi cucina non si gode quasi mai la cena, un pò perché già sà il sapore di tutto quello che andrà ad assaggiare e un pò perché deve far avanti e indietro per la cucina per servire i commensali, e quindi l’unica soddisfazione vera della serata sarà quella di aver deliziato i suoi ospiti con delle cose che non tutti i giorni consumiamo.

Perciò per evitare di passare tutto il giorno dentro una cucina, dovremmo cercare di anticiparci il più possibile, in primis acquistando quel che si può con anticipo e congelarlo, secondo, cercare di preparare più cose possibili, ad esempio gli antipasti che, come abbiamo detto prima, sono le più impegnative.

La scaletta per la tua cena natalizia potrebbe essere così composta:

Un piccolo aperitivo per aspettare che tutti i commensali arrivino (solo bevande senza cibo).

Una selezione di antipasti (sempre a vassoi e non impiattato singolarmente; così facendo non si metterà in difficoltà gli ospiti che saranno liberi di scegliere secondo i loro gusti)

Un solo primo piatto: se gli invitati saranno pochi, potete scegliere una pasta corta o lunga da saltare al momento, ma se saranno nell’ordine di più di otto-dieci, vi consiglio di ripiegare (salvo che non siate attrezzati oppure esperti ai fornelli) su un risotto dove si ha più facilità di successo quando si è in tanti, oppure un’altra possibilità può essere una pasta al forno ad esempio una lasagna di mare, preparata in anticipo.

Un solo secondo: non perdete troppo tempo in questa preparazione, arrivati a questo punto della cena, gli ospiti avranno la bocca così bruciata dai sapori precedenti e saranno così sazi che non vi diranno di no solo per rispetto, perciò vi consiglio qualora lo vogliate fare, un pesce cotto al sale accompagnato da un’insalata che tutti gradiranno.

Il dessert: il più delle volte sono gli ospiti a portarlo, sia fatto da loro, sia acquistato, perciò per non mettere in imbarazzo e competizione durante l’assaggio (cosa che accade spesso) evitate di prepararlo voi. Al massimo per sicurezza preparate o acquistate qualcosa che può essere conservato in frigorifero ma solo per casi estremi, altrimenti lo consumerete il giorno dopo. Essere prevenuti in questi casi è sempre meglio.

A Natale regala un momento speciale alla tua dolce metà, ad un vostro amico/a o perché no ai vostri genitori,

regala una coccola di Trattoria Alla Busa:

regali di natale

regali di natale

Riguardo Alla Busa Staff

Alla Busa Staff
L’Osteria Trattoria alla Busa apre agli inizi degli anni trenta, quando Tullio Bernardinello, nonno materno dell’attuale gestore, adibisce ad osteria una casa ai margini del Borgo di San Martino di Venezze. La cucina è quella semplice e tradizionale, basata principalmente sui piatti tipici delle osterie del tempo. I piatti sono accompagnati con vino sfuso in bottiglioni che nonno Tullio va personalmente a scegliere presso i contadini dei Colli Euganei, servendosi per il trasporto di carrettieri che non di rado rappresentano la clientela abituale delle osterie di paese.

Guarda anche

pesce fresco, i trucchi per riconoscerlo

Pesce fresco: i trucchi per riconoscerlo

Pesce fresco: i trucchi per riconoscerlo Quante volte abbiamo voglia di prepararci dell’ottimo pesce fresco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *