23 Marzo 2019
Home / Itinerari & Attrazioni / Abano Terme, giro cicloturistico dei santuari
Ristorante Trattoria Alla Busa | Rovigo

Abano Terme, giro cicloturistico dei santuari

Abano Terme, giro cicloturistico dei santuari

Una breve e facile biciclettata adatta anche ai principianti. Si praticano soprattutto piste ciclabili varie e stradine sterrate.
Naturalmente si può ritagliare ancora di più il breve percorso di circa 25 km., oppure allungarlo raggiungendo altre mete, tra le quali molto interessante sarebbe la chiesa di Torreglia Alta, ma la salita è più impegnativa.
Motivo dell’escursione la visita ad alcune chiese e santuari dell’area nord/est dei colli Euganei. Tra questi l’importante Abbazia di Praglia, la chiesa di Tramonte, la villa dei Vescovi a Luvigliano, il monastero di San Daniele e il santuario di Monteortone.

Muovendo da Abano Terme raggiungere la rotonda della tangenziale ovest da dove si dirama la strada per Monterosso. Vi è una buona pista ciclabile che arriva fino all’incrocio del vialetto dove si svolta per il parco di villa Bembiana, dove si può sostare.
Si prosegue (sinistra primo incrocio) aggirando a nord il Monterosso per stradella sterrata, per poi proseguire fino a sbucare sulla strada dei Colli (Padova/Teolo). Attraversata la trafficata arteria si prosegue verso sinistra percorrendo la pista ciclabile fino all’incrocio per l’Abbazia di Praglia.
Visitata l’Abbazia, si aggira tutto il muro di cinta per la stradina sterrata, nel mezzo della valletta a sud dell’Abbazia all’incrocio si svolta a destra, dopo il rettilineo che porta ad un grande cancello ai piedi del colle, svoltato a sinistra inizia la salita sterrata.
All’inizio è pedalabile, poi la salita si fa molto ripida e il fondo sconnesso, la maggior parte dei pedalatori sarà costretta a scendere di sella e affrontare a piedi la breve rampa. Si tratta di un centinaio di metri, o poco più, ben poca cosa quindi, per guadagnare l’incrocio del capitello di Tramonte. Svoltare a sinistra a scendere verso la chiesa di Tramonte, suggestive le vedute panoramiche sull’Abbazia di Praglia, poco dopo si giunge alla chiesa di Tramonte. Vale la pena una breve sosta alla bella chiesa.

Si scende la bella e ombrosa strada tornantata e si raggiunge la strada principale. Verso destra, all’incrocio dopo alcune bellissime ville antiche, inizia la bella e pedalabile salita al Poggio Ameno, ‘cima Coppi’ (a quota 100 metri) del giro.
Scollinato si scende velocemente alla volta di Luvigliano, dove si aggira tutta la mura di cinta di Villa dei Vescovi (di Padova, ora del Fai) ed eventualmente si può visitare la famosa Villa.
Si prosegue per ritornare verso Tramonte, questa volta aggirando al piano a sud/est il Poggio Ameno. Proseguire verso Monteortone, ma all’incrocio si ritrova una pista ciclabile sterrata, che volge nuovamente a sud costeggiando lungamente lo scolo Rialto, un canale di bonifica, fino a raggiungere un ponte ciclo-pedonale in legno.
Proseguire fino a raggingere la strada di Torreglia, qualche centinaio di metri sfruttando la pista ciclabile ‘tipo marciapide’ per giungere ai piedi del monte di San Daniele.

Entusiasmante e facile la salita dei tornanti per raggiungere il Monastero di San Daniele proprio sulla cima della collina. Chiesa e bar per il ristoro.
Ridisceso il colle, svoltare a destra e subito dopo a destra ad aggirare il colle alla volta di Monteortone.

Molto bello ed interessante il santuario di Monteortone, famosa la sorgente d’acqua.
Il ritorno a Abano Terme si effettua per la pista ciclabile.

testo tratto da www.magicoveneto.it

Riguardo Alla Busa Staff

Alla Busa Staff
L’Osteria Trattoria alla Busa apre agli inizi degli anni trenta, quando Tullio Bernardinello, nonno materno dell’attuale gestore, adibisce ad osteria una casa ai margini del Borgo di San Martino di Venezze. La cucina è quella semplice e tradizionale, basata principalmente sui piatti tipici delle osterie del tempo. I piatti sono accompagnati con vino sfuso in bottiglioni che nonno Tullio va personalmente a scegliere presso i contadini dei Colli Euganei, servendosi per il trasporto di carrettieri che non di rado rappresentano la clientela abituale delle osterie di paese.

Guarda anche

migliori spiagge a rovigo

Le migliori spiagge di Rovigo

Le migliori spiagge di Rovigo Finalmente è arrivata l’estate! Quale miglior modo di festeggiare il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *